vettelAnche il secondo weekend di gara è terminato.
Sulla griglia di partenza c’è qualche goccia d’acqua ma tutti i piloti vogliono vincere.
Pronti via e iniziamo a goderci le emozioni firmate Sky Sport. Alla prima curva accade di tutto: Alonso mette due gomme sullo sporco, Massa perde qualche posizione e Webber si prende la seconda piazza. E si rivede la McLaren di Button.
Alonso rientra e parte all’inseguimento ma la sua gara finisce al secondo giro quando Alonso, all’attacco di Vettel, provoca un contatto che gli lascia l’alettone anteriore penzolante.
Il pilota spagnolo perde l’alettone in frenata e finisce nella ghiaia. Grave l’errore di strategia del muretto Ferrari che non ha richiamato Alonso ai box.
E da questo momento le sparanze dei ferraristi si riversano su Massa. Un simpatico episodio mostratoci dalla camera dedicata paddock di Sky riguarda Hamilton. Durante il rientro ai box, si è quasi fermato davanti al box McLaren, per poi ripartire e andare a fermarsi al box Mercedes. Ma, nonostante tutto, è una domenica di conferme per la Ferrari; la F138 dimostra ancora una volta di avere un ottimo passo gara. Al ventiquatresimo giro un intoppo crea moltissimo ritardo a Sutil : durante il Pit stop i meccanici non riescono a fissare il dado del pneumatico anteriore sinistro.
Al giro successivo, la gara termina per l’altra Force India, quella di Paul Di Resta.
Al ventottesimo giro parte una sfida tra compagni di squadra Red Bull che fa avvicinare pericolosamente le Mercedes.
Al giro 29 anche Sutil si ritira per un problema tecnico. Al trentesimo giro Webber riprende un po’ di margine su Vettel. Intanto Hamilton avvicina al tedesco, a circa un secondo.
Hamilton rientra ai box ed effettua la sua terza sosta. Pare una decisione un po’ azzardata: vuole finire la gara con quel treno di gomme per cercare di vincere. Giro 34: dopo la terza girandola di pit-stop: Webber è davanti a Hamilton, Vettel e Rosberg.
Al comando momentaneamente c’è Button che però dovrà ancora cambiare le gomme. Al trentaseiesimo giro nella pitlane accade di tutto: i meccanici Sauber tentano di far uscire troppo velocemente Hlkenberg, che rischia il contatto con Raikkonen che stava transitando. Nello stesso giro, i meccanici McLaren fanno partire Button con il pneumatico anteriore sinistro lento: il pilota britannico rischia di travolgere un meccanico Lotus e rimane fermo in mezzo alla pitlane. Al trentanovesimo giro Vettel si prende la seconda posizione superando Hamilton.
Ma Webber è ormai lontano. Al quarantunesimo giro, l’entusiasmante duello tra Hulkenberg e Raikkonen per la seconda posizione, vede uscire vincitore il finlandese. Nello stesso giro Hamilton effettua la quarta sosta. Al quarantaquattresimo giro si rinnova il duello in casa Red Bull: l’australiano, in rientro dal pit stop, si trova subito dietro il campione del mondo che lo attacca. Alla fine di questo crudo duello, Webber sarà ancora davanti a Vettel.
Dopo due giri Sky Sport ci fa vedere come il duello si rinnova ma ad avere la meglio questa volta è il tedesco, mandato platealmente a quel paese dall’australiano. Al giro 47 termina la gara di Maldonado per un dritto.
Anche in casa Mercedes è battaglia Hamilton e Rosberg si sorpassano e si controsorpassano e la camera dedicata di Sky per la pit lane ci mostra un Ross Brawn alquanto teso per quello che accade in pista. Rimonta Massa! Il brasiliano rimonta quattro posizioni in due giri e si lancia all’inseguimento di Grosjean che è 10 secondi più avanti.
Giro 54: Massa si prende la quinta posizione ai danni di Grosjean dopo un forsennato inseguimento. A questo punto il brasiliano deve accontentarsi perchè i piloti Mercedes sono lontani.
Al penultimo giro, finisce la sfortunata gara di Button, che si ritira. Fine gara: vince Vettel, secondo Webber e terzo Hamilton davanti al compagno di squadra Rosberg. Degna di nota la quinta posizione di Massa dopo la brutta partenza. Opaca la prestazione delle Lotus ( sesto Grosjean e settimo Raikkonen). Ancora non si fa sentire la McLaren, Perez è solo nono.

Perché scegliere Sky per guardare la Formula 1?

Innanzitutto l’offerta Sky è molto più ricca: Sky trasmette tutti i GP live in esclusiva, contro i 9 GP live e i 10 in differita trasmessi dai canali RAI. Inoltre non dovrete impazzire col telecomando, passando da un canale all’altro: Sky ha un canale interamente dedicato alla F1, che trasmette il suo palinsesto 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Stiamo parlando di ben 1.000 ore di diretta l’anno, con 30 ore live per ogni week-end di gara. A queste vanno aggiunte numerose rubriche su Sky Sport 24 e 250 su Sky TG 24. Ogni Gran Premio ha una copertura di ben quattro giorni (dal giovedì alla domenica). E, forse la cosa che fa più piacere all’appassionato di sport, l’offerta Sky non è interrotta dalla pubblicità. Nel 2012 la RAI ha interrotto ogni GP ben quattro volte: e se proprio in quel momento accadesse qualcosa di decisivo per la gara?

E poi ci sono le cose che rendono l’esperienza Sky davvero coinvolgente: il mosaico interattivo con 9 finestre, la qualità video HD, Sky on Demand, Doppio Audio Dolby 5.1.

In più, con Sky Go vedi la Formula 1 anche se sei fuori casa e con il decoder My Sky hai la possibilità di registrare, rivedere e mettere in pausa… anche in diretta!

L'istante in cui Alonso perde l'alettone anteriore
L’istante in cui Alonso perde l’alettone anteriore